Dato che il Vampiro era ritenuto un non-morto, non avrebbe potuto morire ancora.
Ci˛ che non pu˛ morire, Ŕ immortale.
Immortale sta a significare perdurare della vita oltre l'umana capacitÓ d'esistere.
Per gli uomini, il Vampiro era immortale, eterno.
Esistente attraverso i secoli.
In realtÓ, in quell'epoca la maggior parte degli uomini raggiungeva appena la trentina.
Cinquant'anni erano considerati un'etÓ molto avanzata.
Oggi cinquant'anni sono considerati la mezz'etÓ. Ma nel XIV e fino al XVII secolo, l'aspettativa di vita era molto inferiore.
Cinquant'anni era estrema, settanta inaudita, cento o centocinque erano giÓ considerati l'immortalitÓ.
Possiamo vedere quanto sciocche fossero tali credenze.
Nonostante ci˛, i Vampiri potevano morire.
Abbiamo mostrato svariati esempi di miti che mostrano la credenza per cui i Vampiri possano essere uccisi.
La possibilitÓ che essi possano essere uccisi o venir distrutti rivela che essi non sono non-morti o immortali, e questa Ŕ una contraddizione rispetto a ci˛ che abbiamo appena visto della loro presunta immortalitÓ.
Se leggerete le pagine dedicate da noi ai Real e leggerete che i Vampiri esistono realmente, potrete vedere che questi miti sono veramente sciocchi.
Indubbiamente c'erano a quell'epoca dei real Vampire in giro.
Molti di essi potrebbero aver scoperto di poter diventare piuttosto vecchi senza dimostrare la loro etÓ.
Questo potrebbe aver dato slancio a molti di questi miti e credenze popolari.